Accensione dei riscaldamenti: ecco le date del 2021

  • By chiara.spallino
  • Pubblicato un mese fa

Con l’arrivo dell’inverno si torna a parlare dell’accensione dei riscaldamenti e quindi dei periodi ufficiali in cui, da nord a sud Italia, le date per il via libera cambiano in base alle zone del Paese e i vari Comuni potranno, per questo, decidere se anticiparle o posticiparle. La stagione termica è cominciata il 15 ottobre e durerà fino al 15 aprile: fino a quella data i riscaldamenti degli edifici potranno rimanere accesi per un massimo di 14 ore al giorno.

Le zone più fredde, come quella delle Alpi di Belluno e Trento, denominata "zona F", avranno limiti orari diversi rispetto alle altre: potranno quindi accendere i riscaldamenti in qualunque momento e senza limiti di orario. La prima zona a poter accendere il riscaldamento è la zona E, che comprende la Pianura Padana, dove si partirà dal 15 ottobre. La zona D, invece, comincerà il primo novembre, e potrà scaldare gli edifici fino al 15 aprile, con un limite di 12 ore al giorno, mentre la zona C, che comprende la parte adriatica settentrionale, partirà il 15 novembre e terminerà il 31 marzo, senza poter superare le 10 quotidiane. Nella zona B, si potranno accendere i riscaldamenti dal 1 dicembre fino al 31 marzo, per 8 ore al giorno, mentre nella zona A, quella delle isole Linosa, Lampedusa e Porto Empedocle, il limite massimo è di 6 ore al giorno e si potrà accendere i termosifoni dal primo dicembre al 15 marzo.

Ad aver diviso il Paese in zone climatiche sono la legge numero 10 del 1991 e il Dpr numero 412 del 1993, che hanno identificato sei fasce con intervalli di riscaldamento diversi sommando le differenze positive tra la temperatura convenzionale e quella media esterna giornaliera. Si tratta di un provvedimento utile, per contenere le emissioni in atmosfera ed evitare gli sprechi.

Viste le differenze temporali per l’accensione dei riscaldamenti nelle varie zone climatiche del Paese, su Topten.it (a questo link: https://bit.ly/3oZoYma) puoi trovare alcuni consigli per mantenere fin da subito una temperatura ottimale nella tua abitazione. Questi consigli sono stati diffusi ai media italiani da Eliante, partner della campagna europea Hacks.

Ricordiamo che il riscaldamento domestico rappresenta circa i due terzi delle bollette energetiche degli italiani. Ciò fa capire quanto sia importante adottare strategie di miglioramento dell'efficienza. Grazie al progetto europeo HACKS abbiamo selezionato i migliori prodotti per il riscaldamento da un punto di vista energetico ed ambientale: pompe di calore, caldaie a biomassa, stufe a legna e pellet, pompe di circolazione.

Prodotti in evidenza